Prime Costituzioni

Suore2

Al 30 maggio 1906 si attribuisce l’erezione canonica della Congregazione delle Ancelle dell’Immacolata per decreto del Cardinale Arcivescovo di Capua e la vestizione solenne delle religiose con l’abito francescano del Terz’Ordine, il rosario della Santissima Vergine e il cordone del Poverello di Assisi. La chiesa della Pietrasanta, restaurata, è ceduta perfettamente alle Ancelle e ai frati Bigi. Nel 1925 il primo gruppo dei Ancelle varca la soglia della Pietrasanta per andare al seminario di Capua per servire nel lavoro di cucina, e sono così dispensate dall’obbligo di clausura. Il 18 marzo 1928 le Ancelle prendono possesso di una casa a Vitulazio (Caserta), lasciata loro da un sacerdote perché vi impiantino un asilo infantile e un laboratorio di taglio, cucito e ricamo per fanciulle. Il 31 marzo 1930 escono di nuovo dalla Pietrasanta e si recano a Pietramelara (Caserta) per aprire un ritiro per anziane, l’ospizio sarà poi ingrandito e provvisto di una cappella. In seguito numerose altre case saranno aperte nelle diverse regioni. Il 15 settembre 1938 è la data dell’approvazione definitiva delle Costituzioni, con decreto dell’arcivescovo di Capua. Il 24 maggio 1947 si ottiene l’approvazione pontificia delle stesse Costituzioni, con il decreto della Santa congregazione dei Religiosi. Attualmente la Congregazione possiede ventidue case religiose in Italia.